Nonni digitali.

“Nell’uso delle directory è necessaria una certa conoscenza dell’oggetto della ricerca, mentre i motori consentono di partire da un unico elemento, come un nome o una frase, senza ulteriori specifiche informazioni.” cit. di Guida alla ricerca avanzata del motore Altavista

Questo articolo mi ha riportato di colpo in mente dei ricordi già nitidi ma che avevano bisogno di una spintarella per rifarsi “immaginare”.

“Altavista”, un vecchio motore di ricerca oramai neanche più definibile vintage perchè spento da Yahoo!, unico attore nel panorama internettiano di 30 anni fà circa, lo usavamo tutti noi early-connected (ed eravamo pochi sia perchè non serviva a nulla essere online, sia perchè i costi per esserlo erano altissimi: internet gratis sarebbe arrivata molto dopo e in quegli anni si doveva stipulare un contratto annuale per circa 200.000 lire e comporre un numero di telefono a tariffa locale che comunque costava molto ogni volta che ci si voleva connettere in dial-up).

Ricordo pure lo scimmiottante Astalavista, motore hacker e nero che serviva a trovare cracks per programmi, e poi – quando furono inventati – anche keygen, serialz e altro software “alternativo” vario.

Quella era un’altra internet, molto diversa da quella di oggi, soggiogata e monopolizzata dal gigante di Mountain View; anche io uso quasi esclusivamente google e faccio parte integrante di chi alimenta tutti i loro (buoni e funzionanti lo si può dire senza dubbio di smentita) servizi con i propri dati personali e le proprie attività.

Quale sia migliore in una sfida “internet altavistiana” VS “internet oggi” non saprei dirlo, ma tutte le cose evolvono e non possiamo farci nulla. Anche gli incendi a volte sono una cosa positiva: quando brucia una savana la cenere serve da concime a far rinascere piante nuove e sane. Quindi, sebbene la storica rete fosse priva di molti problemi e non destasse turbe psichiche su temi democratici e di privacy, anche quella di oggi ha dei lati positivi e si è evoluta forte e nuova: penso ai servizi di homebanking, poste online, saltafila, cure innovative, studio dei big data con risultati prima impensabili, possibilità di nuovi lavori e di economie di scala altrimenti impossibili.

Insomma prendiamoci quel che arriva, tutto evolve e non lo si può fermare, questo oramai l’ho capito con chiarezza, mentre prima lo osteggiavo e me ne rammaricavo.

Cmq, leggete l’articolo!

Annunci

Informazioni su kobaino

very handsome boy married with amusement
Questa voce è stata pubblicata in Hacking, internet, rediscover the web, sapevatelo, Tecnologia e Computer, vecchia guardia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...